Home Salute Riproduttiva
Salute Riproduttiva PDF Stampa E-mail



L’area SCORA - Standing Committee on sexual and Reproductive health including HIV/AIDS – si prefigge di trattare tematiche inerenti alla salute riproduttiva con particolare interesse per l’HIV/AIDS. Nata come risposta alla rapida diffusione dell’infezione da HIV negli anni ’80, l’area SCORA ha gradualmente esteso le sue attività a tutte le malattie sessualmente trasmissibili (MST) e alla loro prevenzione, alla salute materno-infantile, alla salute fisica, psicologica e sociale della donna, alle pari opportunità, all’identità sessuale e ad altre tematiche ostetrico-ginecologiche e urologiche.

Nell’ambito dell’HIV/AIDS, l’area SCORA promuove l’approfondimento delle conoscenze riguardanti l’epidemiologia, la trasmissione, il trattamento, ma anche gli aspetti psico-sociali della malattia, l’assistenza e l’approccio al paziente sieropositivo, l’accesso ai farmaci antiretrovirali e l’impatto globale della pandemia con l’obiettivo di formare dei futuri medici informati, tolleranti e attenti ai bisogni dei loro pazienti. Inoltre, numerose attività sono volte a ridurre lo stigma legato alla sieropositività, a informare e fare prevenzione presso la popolazione, a sostenere altre associazioni che lavorano sul campo. In particolare, tutti gli anni partecipiamo alla Giornata Mondiale della lotta contro l’AIDS (1° dicembre) con l’organizzazione di conferenze, spettacoli, corsi, banchetti informativi e raccolte fondi. Inoltre, il SISM collabora con il CESVI (Onlus) e sostiene le sue attività di informazione e di prevenzione della trasmissione materno-fetale dell’HIV.

Inoltre, altre tematiche importanti sono strettamente collegate a quest’ultima, come le malattie a trasmissione sessuale, l’omosessualità e l’educazione sessuale in senso più ampio. In particolare, negli ultimi anni, l’attività di educazione sessuale nelle scuole tramite tecniche di peer education si è sviluppata notevolmente. Grazie alla formazione offerta agli studenti di medicina dalla rete internazionale YPeer, IFMSA e SISM, numerosi studenti delle scuole elementari, medie e superiori hanno potuto imparare e discutere in modo interattivo di prevenzione delle MST e gravidanze indesiderate, IVG, sesso sicuro, pubertà e altre tematiche legate alla sessualità. Il successo di queste iniziative ci ha portato ad estendere le tecniche di peer education anche ad altre aree tematiche.

Un ruolo importante è dato nell’area SCORA alla salute della donna, alla difesa dei loro diritti, al ruolo sociale, nella famiglia e nel lavoro, alla violenza contro le stesse, alle mutilazioni genitali femminili. Ogni anno, sono organizzate conferenze, spettacoli, dibattiti, banchetti informativi o corsi per la Giornata Internazionale della Donna (8 marzo). Senza pertanto dimenticare altre tematiche, quali la prevenzione e lo screening per i tumori della mammella, della cervice uterina e della prostata; la salute materno-infantile; l’abuso di minori; le adolescenti madri; l’infertilità e altre patologie del sistema riproduttivo.

Nella area tematica agiscono figure di coordinamento locale, Local Officer for Reproductive Health and AIDS (LORA), coordinate a livello nazionale dal rispettivo nazionale (NORA) e, a livello internazionale, nel network IFMSA, da uno SCORA director, SCORA Liason Officer (per i rapporti internazionali con i partners) e dai Regional Assistants, per ogni singola area geografica.

Le attività comprese in questa area tematica possono essere suddivise in diverse categorie. Le giornate tematiche sono giornate di rilievo internazionale alle quali partecipano ogni quasi tutte le sedi locali con dei progetti diversi, quali conferenze, cineforum, corsi, campagne di raccolta fondi o sensibilizzazione. Le attività nazionali sono progetti gestiti a livello nazionale dal responsabile dell'area SCORA (NORA, National Officer on Reproductive Health and AIDS). Nelle attività di sede locale ritroviamo alcuni esempi dei numerosi progetti di diverso tipo organizzati dalle singole sedi.

GIORNATE TEMATICHE

- Prevenzione del Carcinoma Mammario

Tutto il mese di ottobre è dedicato a questo tema, volto a ricordare la necessità della prevenzione al tumore del seno ricorrendo alle tecniche dell'autopalpazione e ricordando l'importanza dello screening mammario nella donna. La giornata "culmine, che il SISM si propone di sottolineare con estrema intensità, è l'ultimo lunedì di questo mese.

- Giornata Mondiale Contro la Violenza sulla Donna (25 Novembre)

- World AIDS Day (1° dicembre)

Tutti gli anni, per la Giornata Mondiale della lotta contro l’AIDS (1° dicembre) vengono organizzati diversi eventi, quali conferenze, spettacoli, corsi, banchetti informativi e raccolte fondi volti a ridurre lo stigma legato alla sieropositività, a sensibilizzare, informare e fare prevenzione presso la popolazione, a sostenere altre associazioni che lavorano sul campo. In particolare, il SISM collabora con il CESVI e sostiene le sue attività di prevenzione della trasmissione materno-fetale dell’HIV (“Fermiamo l’AIDS sul Nascere”) e le sue campagne informative presso i giovani dai 15-35 anni (“Virus Free Generation” e “Cesviamo”).

- Giornata Mondiale Contro l'Omofobia

- International AIDS Candlelight Memorial

Questo programma commemorativo del Global Health Council è una delle prime e più vaste campagne di mobilitazione e sensibilizzazione sul tema dell'HIV/AIDS. Nato nel 1983 dall'iniziativa di tre malati di AIDS che vedevano prossima la loro morte, attualmente si svolge ogni terza domenica di maggio e vuole essere un evento commemorativo per tutti i gli individui toccati, affetti o deceduti dall'HIV/AIDS.

Attualmente vi partecipano circa 1200 comunità in 115 paesi diversi organizzando marcie o cerimonie commemorative. Ma il Candlelight Memorial è anche un'occasione per fare policy advocacy, creare partenariati, migliorare le risorse all'interno della comunità ed intervenire per creare una solidarietà globale, dando speranza alle nuove generazioni.

http://www.candlelightmemorial.org/

- International Women’s Day (8 marzo)

La “Giornata Internazionale della Donna” (8 marzo) ha come fondamento l’emancipazione della donna e la promozione dei suoi diritti. È festa nazionale in molti paesi, ed è sponsorizzata dall’ ONU dal 1975 con il nome di “Giornata dell’ONU per i Diritti della Donna e la Pace Internazionale”. Le sedi locali del SISM organizzano ogni conferenze, spettacoli, dibattiti, banchetti informativi e corsi per ceòebrare questa giornata. I temi trattati variano di anno in anno, ma centrale è la salute fisica, mentale e sociale della donna. Alcuni esempi delle attività svolte in passato sono conferenze riguradanti la difesa dei diritti delle donne; il suo ruolo sociale, lavorativo e all'interno della famiglia; le donne vittime di violenza; le pari opportunità; le mutilazioni genitali femminili; la prevenzione e diagnosi precoce dei tumori della mammella e della cervice uterina.

ATTIVITA' NAZIONALI

Peer Education

Il SISM organizza corsi di formazione di peer educators e trainers sia a livello nazionale che locale e controlla le loro attività di educazione nelle scuole elementari, medie e superiori. L’area SCORA è stata la prima ad utilizzare questa tecnica per introdurre in diverse scuole italiane delle attività di educazione sessuale svolte da studenti di medicina. I temi trattati sono le malattie a trasmissione sessuale, le tecniche di contraccezione, l’astinenza, le gravidanze indesiderate, il sesso sicuro e la prevenzione, adattando il programma ad ogni realtà locale. Visto l’interesse crescente per questa tecnica di insegnamento interattivo sia da parte degli studenti di medicina sia delle comunità, si stanno utilizzando le tecniche di peer education anche in altre aree tematiche. Attualmente, la peer education è utilizzata come tecnica per diffondere diverse informazioni, quali l’educazione sessuale, i principi per un sano stile di vita e una sana alimentazione, il primo soccorso, l’abuso di droghe e alcol.

TIPE

Sono corsi di formazione intensivi della durata di tre giorni sulle tecniche di peer education ai quali possono partecipare studenti provenienti da tutte le sedi locali del SISM. Durante questa formazione, trainers nazionali o internazionali trasmettono agli studenti tutte le nozioni essenziali per fare peer education, seguendo le linee guida internazionali di YPEER. L'insegnamento si svolge tramite attività teoriche ma soprattutto pratiche durante le quali i futuri peer educators possono sperimentare le diverse tecniche, cimentarsi sui giochi educativi, scoprire come gestire un gruppo di studenti e come agire in situazioni difficili, nel frattempo imparando a conoscere se stessi. Finora sono stati organizzate tre edizioni: il TIPE1 a Deccio di Brancoli (Lucca) nel 2008, il TIPE2 a Caltanissetta (Maggio 2009) e il TIPE 3 a Genova (Ottobre 2009), il TIPE4 a Stia (Arezzo) nel 2010 ed il TIPE5 a Mede (Pavia) nel 2011. Da queste iniziative sono nati progetti di peer education in diverse sedi locali riguardanti temi molto variati quali l'educazione sessuale, l'abuso di droghe e l'educazione alimentare.


 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI...

LORA (Local Officer on sexual and Reproductive health including HIV/AIDS):

- Simona Stefanucci

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna